Commercialisti e Consulenti del Lavoro
20 professionisti e 30 collaboratori qualificati al servizio delle imprese
Luglio 2020

L’Agenzia delle Entrate ha definito le modalità per l’utilizzo del CREDITO D’IMPOSTA derivante da SPESE SOSTENUTE PER SANIFICAZIONE E PER L’ACQUISTO DI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE.

Il CREDITO D’IMPOSTA è pari al 60% delle spese ammissibili e tale credito non può superare l’importo di Euro 60.000 (quindi l’ammontare complessivo delle spese non può superare i 100.000 euro).

Il credito spetta genericamente ad ogni titolare di partita iva, indipendentemente dal regime contabile e fiscale adottato.

Vi preghiamo anzitutto di porre attenzione a quanto sarà di seguito esplicitato:

  1. Il Governo ha stanziato un plafond complessivo massimo di spesa di 200 milioni per l’anno 2020;
  2. Dopo l’invio della domanda il richiedente riceverà una comunicazione sulla percentuale del credito EFFETTIVAMENTE spettante, quindi non è detto corrisponderà al 60% della spesa;
  3. Il credito d’imposta spetta sulle spese effettivamente SOSTENUTE dal 1° gennaio 2020 al 31 dicembre 2020.
  4. Nella domanda si possono inserire le spese che si presume di sostenere entro il 31.12.2020, oltre che quelle già sostenute al momento dell’invio, ma il credito spetterà solo sulle spese a consuntivo;
  5. Per tutti i motivi di cui sopra per l’utilizzo del credito, o per la sua cessione a terzi, pare prudenziale attendere gennaio 2021

Il CREDITO può essere:

  • utilizzato in compensazione;
  • utilizzato nella dichiarazione dei redditi per l’anno 2020;
  • ceduto.

Sono AMMESSE le spese per:

  • la sanificazione degli ambienti nei quali è esercitata l’attività lavorativa e istituzionale e degli strumenti utilizzati nell’ambito di tali attività;
  • l’acquisto di dispositivi di protezione individuale, quali mascherine, guanti, visiere e occhiali protettivi, tute di protezione e calzari, che siano conformi ai requisiti essenziali di sicurezza previsti dalla normativa europea;
  • l’acquisto di prodotti detergenti e disinfettanti;
  • l’acquisto di dispositivi di sicurezza diversi da quelli di cui alla lettera b), quali termometri, termoscanner, tappeti e vaschette decontaminanti e igienizzanti, che siano conformi ai requisiti essenziali di sicurezza previsti dalla normativa europea, ivi incluse le eventuali spese di installazione;
  • l’acquisto di dispostivi atti a garantire la distanza di sicurezza interpersonale, quali barriere e pannelli protettivi, ivi incluse le eventuali spese di installazione.

Per spese SOSTENUTE, al netto dell’IVA DETRATTA, si intende:

  • Per soggetti in contabilità ordinaria, si fa riferimento a spese di COMPETENZA 2020;
  • Per tutti gli altri si fa riferimento a spese PAGATE nel 2020, salvo si sia optato per il “metodo di registrazione fattura”, per cui vale la data di registrazione.

Circa le spese di SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI in cui è esercitata l’attività e degli STRUMENTI utilizzati nell’ambito di tale attività è richiesta apposita certificazione redatta da operatori professionisti sulla base dei Protocolli della regolamentazione vigente. La sanificazione può essere eseguita anche in economia, cioè direttamente dall’imprenditore o dai suoi dipendenti, in presenza di specifiche competenze già ordinariamente riconosciute. Serviranno quindi degli appositi fogli di lavoro interni all’azienda per certificare quante ore sono state effettivamente impiegate nella sanificazione.

Valutato tutto quanto sopra esposto,

coloro che intendano affidare allo Studio la presentazione telematica dell’istanza per il riconoscimento del credito, sono pregati di prendere immediatamente contatti con lo Studio e TASSATIVAMENTE entro il giorno 5 del mese di agosto dovranno inviare una mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. con l’elencazione: 

1)      Del TOTALE delle spese già sostenute alla data del 31.07.2020, indicando:

  • numero e data fattura;
  • data di pagamento,
  • TIPOLOGIA dei beni acquistati,
  • Costo dei beni acquistati al NETTO dell’iva detratta. 

2)      delle spese che si presume di sostenere dal 1° agosto al 31 dicembre 2020. 

Anche per i soggetti con contabilità presso lo studio che intendono affidarsi allo stesso per la presentazione della domanda è necessario mettersi in contatto. 

Dato l’approssimarsi della pausa estiva e data la delicatezza della materia si comunica che non potranno essere considerate mail inviate ad altri indirizzi e/o oltre il 5 agosto 2020.

 

Hai bisogno di Consigli o Assistenza?

Conosciamoci in un Primo Appuntamento Gratuito!

 

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok
×

CRISI D’IMPRESA, SI O NO?

La guida pratica per monitorare lo stato di salute della propria azienda:

Powered by ChronoForms - ChronoEngine.com