Commercialisti e Consulenti del Lavoro
20 professionisti e 30 collaboratori qualificati al servizio delle imprese

REGIME FORFETTARIO e CREDITI PREVIDENZIALI UTILIZZATI IN COMPENSAZIONE

Nell'ipotesi in cui il contribuente in regime forfetario abbia versato e dedotto dal reddito d'impresa contributi previdenziali per una quota poi risultata superiore al dovuto, il successivo utilizzo del relativo credito in compensazione deve essere recuperato a tassazione, indicandone l’importo (a scomputo) nel quadro LM, rigo LM35, della dichiarazione dei redditi.

Non deve pertanto essere compilato il quadro RM usualmente utilizzato in tali casi, con assoggettamento a tassazione separata ed eventuale opzione per la tassazione ordinaria.

Ciò in quanto la somma prima portata in deduzione e poi compensata deve essere riportata a tassazione secondo il medesimo regime in cui è avvenuta, appunto, la deduzione, ossia il regime forfetario.

Questa la risposta dell’Agenzia delle Entrate all’ interpello n. 400 del 9 ottobre 2019 che tuttavia lascia aperto un dubbio circa le modalità di recupero a tassazione di contributi previdenziali compensati laddove l’originaria deduzione dal reddito e la successiva compensazione del credito avvengano in due annualità sottoposte a diversi regimi impositivi.

Hai bisogno di Consigli o Assistenza?

Conosciamoci in un Primo Appuntamento Gratuito!

 

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok
×

CRISI D’IMPRESA, SI O NO?

La guida pratica per monitorare lo stato di salute della propria azienda:

Powered by ChronoForms - ChronoEngine.com