Commercialisti e Consulenti del Lavoro
20 professionisti e 30 collaboratori qualificati al servizio delle imprese

Invitalia - Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa, di proprietà del Ministero dell’Economia – promuove le start-up innovative ad alto contenuto tecnologico, nell’intento di stimolare una nuova cultura nell’economia digitale, valorizzando la ricerca scientifica ed incoraggiando il rientro dei “cervelli” dall’estero.

Ad oggi, 976 start-up hanno ottenuto agevolazioni per oltre 329 milioni di euro, creando più di 4.442 nuovi posti di lavoro.

L’agevolazione, interamente gestita da Invitalia, consiste in un finanziamento senza interessi e garanzie per un importo pari al 70% dei costi d’investimento e delle spese di gestione legate all’avvio del progetto (fino all’80% delle spese ammissibili laddove la compagine societaria sia interamente costituita da donne e/o da under 35, ovvero se tra i soci sia presente un esperto con il titolo di dottore di ricerca).

Le start-up localizzate in talune Regioni (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia) beneficiano, altresì, di un contributo a fondo perduto pari al 20% del mutuo.

Smart&Start si rivolge alle start-up innovative di micro e piccole dimensioni, costituite da non più di quarantotto mesi, nonché alle persone fisiche che intendano costituire una start-up innovativa.

I progetti dovranno avere un programma di spesa di importo compreso tra i 100 mila euro e 1,5 milioni di euro.

Per ottenere il finanziamento, la start-up deve rispondere ai requisiti soggettivi ed oggettivi sanciti dall’art. 25 del D. L. 179/2012. Tra le principali condizioni stabilite dalla normativa, si richiede che:

  • l’impresa abbia sede in Italia e sia costituita da non più di 48 mesi nella forma di Società di capitali;
  • il valore della produzione annua non sia essere superiore a 5 milioni di euro;
  • l’oggetto sociale (esclusivo o prevalente) deve prevedere lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico;
  • l’impresa deve, altresì, possedere almeno uno dei seguenti ulteriori requisiti:
  • costi di ricerca e sviluppo pari ad almeno al 15% del maggior valore tra costo e valore della produzione;
  • almeno 1/3 del personale con esperienza pluriennale di ricerca o dottorato, ovvero 2/3 del personale in possesso di laurea magistrale;
  • disponibilità (titolarità, deposito o licenza) di almeno una privativa industriale (relativa ad invenzione industriale, biotecnologia, topografia di prodotto a semiconduttori, nuova varietà vegetale, Software registrato presso Registro Pubblico Speciale), connessa all’oggetto sociale dell’attività dell’impresa.

La domanda dovrà essere presentata esclusivamente via web, previa registrazione sulla piattaforma dedicata.

Il progetto verrà valutato nei 60 giorni successivi alla presentazione del business plan (nel quale dovranno essere evidenziati – tra gli altri – gli elementi innovativi dell’idea, le caratteristiche dei soggetti proponenti, gli aspetti economici e finanziari dell’iniziativa) e della documentazione completa.

Le richieste saranno esaminate in base all’ordine cronologico di arrivo (senza che siano previste graduatorie).

Lo studio Piana è disponibile per l'intera gestione dell'istruttoria, per la costituzione della new-co e per la successiva gestione civilistica e fiscale.

Hai bisogno di Consigli o Assistenza?

Conosciamoci in un Primo Appuntamento Gratuito!

 

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok
×

CRISI D’IMPRESA, SI O NO?

La guida pratica per monitorare lo stato di salute della propria azienda:

Powered by ChronoForms - ChronoEngine.com